Nel mio zaino. Prima parte, quando vado a fotografare paesaggi - Felice Placenti Nature and Landscape Photography

Felice Placenti
Nature & Landscape Photography
Vai ai contenuti

Menu principale:

Tecniche e Backstage

Nel mio zaino - Prima parte

Quando vado a fotografare paesaggi



© Felice Placenti - All rights reserved. Tutti i diritti sono riservati.
E' vietato riprodurre, anche solo parzialmente, anche citando la fonte, il contenuto di questa pagina.


Devo ammettere che sono un uomo fortunato: ho avuto tutto e per questo ringrazio Dio.
Come fotografo ho tutto ciò che mi può servire (qui un elenco delle mie attrezzature). Potrei avere mille altre cose, ma non le userei o, forse, le userei pochissime volte! Con l'attrezzatura di cui dispongo sono in grado di affrontare la maggior parte delle situazioni fotografiche che mi si possono presentare, ma questo non vuol dire che quando preparo lo zaino ci infilo tutto ciò che possiedo! Sarebbe inutile, oltre che da stupidi.

Per il packaging delle attrezzature dispongo di numerose possibilità, che scelgo di volta in volta. L'unica cosa che mi manca è il classico e diffuso zaino fotografico, ma per le tipologie di escursioni che svolgo con maggiore frequenza non l'ho mai ritenuto utile!

equipment

Ho due borse fotografiche di dimensioni diverse. Le ritengo utili quando fotografo in luoghi facili, con l'attrezzatura al minimo. Ho, inoltre, tre zaini di diverse dimensioni e svariate valigette in alluminio.
La scelta dipende da diversi fattori, tra i quali i più importanti sono in linea di massima la durata dell'escursione (mezza giornata, un giorno, più giorni), il livello dell'escursione (facile, difficile, di media difficoltà) e il tema dell'escursione (paesaggio, dettagli naturali/macrofotografia).

In questa pagina voglio parlarvi di ciò che uso quando vado a fotografare paesaggi.

Per escursioni più impegnative uso uno zaino da trekking grande (50 litri) e la reflex con tre obiettivi. All'interno dello zaino ripongo la reflex, la custodia dei filtri a lastra (filtri, holder, polarizzatore, anelli adattatori), alcuni accessori fotografici (schede, batterie, piccolo kit di pulizia, filtri vari con montatura circolare), un piccolissimo registratore vocale digitale. All'esterno dello zaino aggancio il treppiede e due borsette porta-obiettivi. Il treppiede è sorretto da un moschettone agganciato al manico superiore dello zaino e viene tenuto su un lato dello zaino mediante due cinghie di compressione laterali. Ognuna delle due borsette, che servono a contenete due obiettivi e qualche piccolo accessorio, è agganciata tramite due moschettoni a una delle due metà della cintura a vita. In questo modo mi trovo ad avere le due borsette ai lati del corpo, con la possibilità di tirare fuori gli obiettivi con una certa facilità, senza dover togliere lo zaino dalla schiena.
Ovviamente pongo una particolare attenzione a equilibrare i pesi. Quando prevedo frequenti soste per fare fotografie preferisco tenere il treppiede in mano in quanto, in caso contrario, sarei costretto ogni volta a togliere lo zaino dalle spalle per prenderlo!
Lo zaino grande, poi, è fondamentale quando devo effettuare escursioni di una intera giornata. In tal caso, infatti, ho la possibilità di riporre nello zaino anche il cibo e l'acqua, qualche indumento (giacca a vento, felpa, guanti, cappello, ghette, ecc.), cartine e una torcia, visto che spesso risalgo in auto quando è già buio.
Attualmente vado con la seguente attrezzatura al completo:

  • una reflex Canon EOS 5D Mark II;
  • un obiettivo Samyang 14 mm f2.8 ED AS IF UMC;
  • un obiettivo Canon EF 24-105 mm f/4 L IS USM;
  • un obiettivo Canon EF 200 mm f/2.8 L II USM;
  • un treppiede Manfrotto 190XPROB con testa Manfrotto 804RC2;
  • il kit di filtri NiSi costituito da:
      • filtro polarizzatore CPL PRO da 82 mm di diametro;
      • filtro a lastra GND 4 Nano IR soft 100x150 mm;
      • filtro a lastra GND 8 Nano IR soft 100x150 mm;
      • filtro a lastra ND 64 Nano IR 100x100 mm;
      • filtro a lastra ND 1000 Nano IR 100x100 mm;
      • l'holder V5 PRO con gli anelli adattatori;
  • filtri vari (protezione, ND);
  • batteria supplementare;
  • telecomando a infrarossi:
  • pompetta e spazzolino.

borsette_obiettivi

Per le escursioni più facili posso contare su altri due zaini più piccoli e di diverse capacità. In tal caso attacco le borsette porta-obiettivi ad un cinturone. In questo modo, indossando il cinturone mi trovo ad avere ancora una volta le due borsette ai lati del corpo, a portata di mano. A volte lascio a casa i filtri a lastra, altre volte lascio il tele da 200 mm, oppure il grandangolo da 14 mm.

Una nota a parte merita la custodia dei filtri a lastra. Come avrete avuto modo di vedere, utilizzo i filtri a lastra NiSi. Il mio kit è composto da due filtri GND, due filtri ND, un filtro polarizzatore, l'holder e qualche anello adattatore. Il kit è contenuto, appunto, in una custodia rigida con inserti interni in plastica. Ritengo che non sia una soluzione davvero comoda, essendo rigida! Recentemente la Nisi ha immesso sul mercato anche delle custodie morbide, sicuramente più comode e leggere; tuttavia la custodia rigida possiede un vantaggio non da poco: protegge egregiamente i filtri e gli accessori anche quando sono stipati in uno zaino o in una valigia insieme ad una miriade di altri oggetti, evitando che i filtri, che sono in vetro, si rompano! Al momento dell'uso attacco la custodia al treppiede, in modo da avere i filtri e gli accessori a portata di mano.

custodia_filtri

custodia_filtri

filtri

Altri due oggettini che porto quasi sempre con me, poiché li ritengo molto utili in diverse circostanze, sono la bussola e un coltellino. Altre volte trovo utile una torcia frontale a LED.
A volte, a seconda della località e del periodo dell'anno, porto anche un repellente per insetti e zecche.

Per facili passeggiate, come le gite con la moglie o le visite ai centri storici oppure ancora le escursioni di un paio d'ore su comodi sentieri, preferisco camminare leggero e portare con me solo il minimo indispensabile sacrificando tutto il resto. In questi casi utilizzo una delle due borse: la Fotopro, più piccola, oppure la MG, più grande. Spesso non porto neppure il treppiede. Quando non porto il treppiede, monto sulla reflex l'impugnatura verticale Canon BG-E6, che mi consente di scattare in verticale con maggiore comodità e con una presa più facile e sicura. Generalmente, per le piccole escursioni e le gite porto solo lo zoom 24-105 mm montato sulla reflex.

borsa_fotopro

borsa_mg

Ovviamente tutto cambia quando vado in escursione per fotografare dettagli della natura o per la macrofotografia classica, ma questo sarà argomento di un prossimo articolo.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici. Grazie tante.
SU QUESTO LAVORO

Categora:
Tecniche e Backstage

Tema: Paesaggi

Note:
Qui trovi un elenco quasi completo delle attrezzature di cui dispongo.
Utilizzo prodotti delle seguenti marche:
Canon;
Samyang;
Manfrotto;
NiSi
MG Itex;
Fotopro;
Profox;
Metz.

Quando ho scritto l'articolo:
Febbraio 2019
facebook-icon instagram-icon linkedin-icon pinterest-icon viewbug-icon
vimeo-icon youtube-icon flickr-icon 500px-icon
ALTRE RISORSE SU

Articoli:




Copyright © 2019 Felice Placenti.
All right reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu